Requisiti residenza fiscaleResidenza fiscale Agenzia delle entrateResidenza fiscale delle persone fisiche

Tassazione di pensioni percepite all’estero: trattamento differenziato?

Tassazione pensione

La Corte di giustizia europea ha ritenuto che non sia contrario al Trattato dell’Unione Europea un diverso trattamento fiscale previsto per pensioni di tipo diverso. Perciò, la Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Portogallo che “rende la vita più difficile” ai pensionati pubblici non contiene discriminazioni basate sulla cittadinanza.

 

Tassazione pensioni percepite all’estero: facciamo chiarezza

Marco Tullio è un ex professore di latino.
Dopo 40 anni di onorata carriera nel liceo classico percepisce la pensione INPDAP.
La pensione è l’inizio di una nuova vita, senza limiti di orario, compiti da correggere, lezioni da preparare.
Marco Tullio e la moglie Lucilla decidono di abbandonare la loro residenza di Pomezia e trasferirsi a Lisbona.
Anche Lucilla è pensionata, del settore privato.
Dopo qualche anno dal trasferimento mi hanno contattato via Internet per sottopormi un quesito.
Infatti, la pensione di Marco Tullio inspiegabilmente è tassata in Italia, mentre quella di Lucilla in Portogallo.
Nella videoconferenza Marco Tullio si è infervorato, ritenendo che si è trattato di un errore nel conteggio da parte dell’INPDAD.
Com’è possibile che dopo quarant’anni di onorato insegnamento debba subire una tale onta?
Lucilla ha sempre lavorato come ragioniera e ora, percepisce una pensione netta più alta!
Si può chiedere un rimborso?
Vediamo di che si tratta.

 

Tassazione pensioni percepite all’estero se cittadini italiani residenti in Portogallo

Marco Tullio e Lucilla sono cittadini italiani fiscalmente residenti in Portogallo.
Entrambi percepiscono la pensione: Marco Tullio una pensione pubblica e Lucilla una pensione privata.
Come contribuenti fiscalmente residenti in Portogallo dovrebbero applicarsi ad entrambi le sole norme portoghesi.
Approfondendo la situazione ho scoperto che così non è.
Il fatto di aver svolto un lavoro pubblico ed uno privato produce effetti sulla pensione.
In particolare, sul suo trattamento tributario.
Perciò, occorre analizzare la Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Portogallo.

 

Differenza tra pensione pubblica e privata

La norma convenzionale conferma una disparità di trattamento tra chi percepisce una pensione pubblica e chi percepisce una pensione privata.
La pensione erogata a Marco Tullio è soggetta alle norme fiscali italiane.
Quella percepita da Lucilla è tassata secondo le regole portoghesi.
Perché?
Perché il contribuente che incassa una pensione pubblica viene tassato in base alle norme dello Stato che eroga la pensione.
Non importa se sia fiscalmente residente in Portogallo.
Ciò che importa è che sia cittadino dello Stato che paga la pensione.

Per Lucilla, invece, si applica la normativa portoghese, perchè è sufficiente che sia fiscalmente residente in Portogallo.
Così non si creano disparità di trattamento?
Non si beneficiano alcuni pensionati rispetto ad altri?
No, rispondo a Marco Tullio.

La Corte di giustizia europea si è proprio pronunciata su un caso simile e non ha ravvisato alcuna illegittimità.
Infatti, sono gli Stati contraenti a decidere la tassazione (in questo caso: Italia e Portogallo).
Inoltre, lo scopo delle Convenzioni contro le doppie imposizioni è di evitare che lo stesso reddito sia tassato due volte.
Perciò chiedo a Marco Tullio: “Quante volte è tassata la tua pensione?”.
Mi risponde: “Una volta sola, in Italia.”
La Corte di giustizia ha sottolineato che le Convenzioni contro le doppie imposizioni non hanno come scopo garantire il risparmio fiscale.
Perciò, nessuna onta: Lucilla continuerà a incassare una pensione più alta.

Articoli correlati:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *