Presunzione di esterovestizione societaria

Presunzione di esterovestizione societaria: l’analisi di due sentenze

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Rimini, Società estere e presunzione di esterovestizione

La Cassazione, nelle sentenze 33234/2018 e 33235/2018, ha ritenuto che la presunzione di esterovestizione vada applicata considerando in modo elastico gli elementi concreti. Molto acuta è la ricostruzione del rapporto tra esterovestizione, costruzione abusiva e diritto di stabilimento e svolgimento effettivo dell’attività economica. Ecco un’analisi approfondita.

Esterovestizione criteri

Esterovestizione societaria: un caso concreto

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Jesi, Società estere e presunzione di esterovestizione

L’apertura di un’attività o la costituzione di una società all’estero è vissuta dai contribuenti italiani come la panacea di tutti i mali. Più frequentemente di quello che si possa pensare non vi è alcuna preparazione, né presa di coscienza delle conseguenze fiscali di quello che si va ad iniziare. I nodi vengono al pettine quando si legge su Internet qualche post di approfondimento. Solo allora sorgono delle domande, più che legittime. Tuttavia, questo comportamento evidenzia l’assoluta mancanza di strategia imprenditoriale e, come conseguenza, il dispendio di tempo e risorse. Ecco un esempio recente.

Esterovestizione - Sentenze 2018

Esterovestizione societaria: novità dalla Cassazione

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Jesi, Società estere e presunzione di esterovestizione

Spesso le società italiane che intendono iniziare all’estero la propria attività, attraverso apposite società estere che hanno sede legale, e amministrativa all’estero e lì attuano l’oggetto sociale, corrono il rischio della esterovestizione “di fatto”, con tutte le conseguenze, anche penali, che possono derivarne.

Sanzioni penali esterovestizione

Esterovestizione societaria ha effetti penali?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Effetti fiscali degli investimenti esteri delle persone fisiche, Società estere e presunzione di esterovestizione

L’esterovestizione societaria, ossia l’accertamento della residenza estera fittizia di una società, in realtà operante nel territorio italiano ha delle conseguenze molto pesanti in termini di IRES e sanzioni. I “guai” dell’esterovestizione non finiscono, però, nella fase amministrativa. Ci sono degli effetti penali altrettanto importanti: l’occultamento e distruzione delle scritture contabili, l’omessa presentazione della dichiarazione e l’omesso versamento delle imposte. La recentissima sentenza 41683/2018 della Cassazione penale ritiene che i medesimi fatti che sono stati considerati in sede di accertamento dell’IRES possano essere valutati anche in sede penale.

Esterovestizione e imposta di registro

Effetti dell’esterovestizione sull’imposta di registro

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Jesi, Contenzioso tributario, Società estere e presunzione di esterovestizione

La Commissione Tributaria regionale della Lombardia, nella sentenza 1265/21/18, ha portato la presunzione di esterovestizione alle estreme conseguenze. Finora nessuno si era mai spinto a negare un’agevolazione in tema di imposta di registro a causa della ritenuta esterovestizione. Di sicuro interesse.

Esterovestizione societaria

Esterovestizione societaria: come ci si oppone?

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Jesi, Società estere e presunzione di esterovestizione

Spesso le società che hanno deciso di espandere all’estero la propria attività, costituendo dei soggetti giuridici che hanno sede legale, svolgono l’attività e sono gestite all’estero, rischiano di vedere contestata un’esterovestizione “di fatto”, con tutte le conseguenze, anche penali, che possono derivarne. Una sentenza della Commissione Tributaria provinciale di Milano permette di fare alcune considerazioni sulla difesa del contribuente.