Imballaggi terziari urbani

Rifiuti di imballaggio: alcune criticità

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Calcolo della Tari per i rifiuti speciali, Consulente tributario, Tari

Il Decreto Legislativo 116/2020 attuativo delle direttive comunitarie n. 2018/851 sui rifiuti e n. 1994/62/CE sugli imballaggi e rifiuti di imballaggio desta qualche perplessità in riferimento ai rifiuti di imballaggio. In particolare, gli imballaggi terziari non possono essere conferiti al sistema di raccolta dei rifiuti urbani. Tuttavia, i medesimi imballaggi vengono compresi tra i rifiuti urbani prodotti da utenze non domestiche. È certamente un aspetto che merita qualche chiarimento da parte dei Ministeri competenti.

Tari rifiuti urbani smaltimento

Smaltimento rifiuti – Novità 2021

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Calcolo della Tari per i rifiuti speciali, Consulente tributario, Tari

Smaltimento rifiuti speciali: il 3 di Settembre è stato approvato il Decreto Legislativo 116/2020 che attua due direttive comunitarie: la n. 2018/851 sui rifiuti e la n. 1994/62/CE sugli imballaggi e rifiuti di imballaggio. È una normativa densa di effetti e che va studiata a fondo per comprenderne le influenze sulle altre norme interne vigenti e gli effetti pratici. Tra i principali: quali sono le novità per la gestione dell’imballaggio da parte degli utilizzatori e gli effetti sulla TARI per le attività produttive? Il Decreto legislativo 116/2020 interviene pesantemente sul Testo Unico dell’ambiente (Decreto Legislativo 152/06). In questo post inizio ad analizzare gli articoli 183 e 184 del Testo Unico dell’ambiente sulla definizione dei rifiuti.

Criteri esclusione da Tari

Dalla Cassazione una conferma sulla TARI per i rifiuti speciali

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Jesi, Calcolo della Tari per i rifiuti speciali

La tassa rifiuti, ora TARI, è una delle più ignorate e delle più complesse da comprendere sia per i consulenti che per i giudici. L’Ordinanza n. 22331 del 5.09.2019 della Cassazione ha il pregio di “fare il punto” sull’esclusione da TARI delle aree produttive di rifiuti speciali e sugli adempimenti concreti che il contribuente deve porre in essere per individuarle. Altro aspetto pregevole è una chiara spiegazione dell’onere della prova, ripartito tra Comune e contribuente. Leggiamola insieme.

Calcolo tari aree esterne

Calcolo TARI aree scoperte: quando sono tassabili?

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in Avvocato tributarista Jesi, Calcolo della Tari per i rifiuti speciali

L’esperienza professionale mi ha fatto avvicinare a numerosi casi di assoggettamento a TARI di aree scoperte. Non sempre la TARI era dovuta.  La quasi totalità dei contribuenti è all’oscuro di quali siano le condizioni per poter applicare la TARI sulle aree scoperte. Brancola nel buio o finge di farlo anche la maggior parte dei funzionari dell’Ufficio tributi.È corretta la scelta di comprendere le aree esterne nelle superfici tassabili “per non commettere errori”? I Regolamenti comunali possono introdurre condizioni ulteriori per esentare le aree esterne da TARI? Qual è il rimedio per il contribuente in questi casi?

Imballaggi terziari smaltimento

Regole per lo smaltimento dei rifiuti di imballaggi terziari

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Jesi, Avvocato tributarista Rimini, Calcolo della Tari per i rifiuti speciali

Gli imballaggi terziari sono il pianeta più distante della galassia imballaggi. Hanno delle regole particolari di smaltimento che, a tutela dell’ambiente, sono corredate di sanzioni penali. Purtroppo, in tanti casi, le regole o non sono conosciute o vengono disattese. Vediamole insieme.

Smaltimento rifiuti imballaggi

Regole per lo smaltimento dei rifiuti di imballaggi secondari

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Jesi, Calcolo della Tari per i rifiuti speciali

Proseguiamo il viaggio nella galassia degli imballaggi. Dopo aver lasciato la rampa di lancio, ci dirigiamo verso il primo pianeta: gli imballaggi secondari. Gli imballaggi secondari sono progettati per raggruppare, nel punto di vendita  (negozio, supermercato ecc.), un certo numero di unità di vendita, indipendentemente dal fatto che quest’ultimo sia venduto come tale all’utente finale o al consumatore o che venga utilizzato per facilitare il rifornimento degli scaffali nel punto di vendita. Lo smaltimento dei rifiuti di imballaggi secondari deve avvenire secondo regole ben precise. Vediamo quali.

Smaltimento imballaggi tari

Gli imballaggi sono rifiuti speciali?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Jesi, Avvocato tributarista Rimini, Calcolo della Tari per i rifiuti speciali

Gli imballaggi sono un’entità sconosciuta alle persone comuni. Il D.Lgs. 152/06 si pone l’obiettivo di ridurre al massimo l’impatto ambientale degli imballaggi e di incentivarne il riutilizzo. Una disciplina speciale è stata, poi, fissata per i rifiuti degli imballaggi. Cominciamo con questo post un viaggio nella galassia degli imballaggi. Avete allacciato le cinture?

Calcolo TARI - Denuncia di variazione

TARI e rifiuti speciali: come si presenta la denuncia di variazione?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Rimini, Calcolo della Tari per i rifiuti speciali

Se, ad esempio, la superficie soggetta a TARI indicata nella dichiarazione iniziale comprendeva erroneamente aree produttive di rifiuti speciali non assimilabili, è possibile successivamente comunicare la modifica con la denuncia di variazione, esponendo solo le metrature tassate.
Esistono dei limiti temporali a questo diritto del contribuente? Il Comune è tenuto ad accettare la denuncia di variazione e, quindi, a ridurre le bollette?

Rifiuti speciali e calcolo della TARI – Un caso concreto

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Jesi, Avvocato tributarista Rimini, Calcolo della Tari per i rifiuti speciali

Nel caso deciso dalla sentenza n. 19/1/2018 la Commissione Tributaria provinciale di Rimini ha accolto il ricorso di un autosalone che aveva contestato la debenza della TARI sulle superfici in cui viene svolta l’attività di autofficina. In tale area, infatti, vengono prodotti, in via continuativa e prevalente, rifiuti speciali non assimilabili agli urbani o pericolosi. Di conseguenza, queste superfici non devono essere considerate nel calcolo della TARI.