Avvocato tributarista AnconaAvvocato tributarista RiminiContenzioso tributario

L’avvocato tributarista e le transazioni

Effetti fiscali delle transazioni

L’aspetto fiscale è sempre dietro l’angolo. È il più famoso convitato di pietra della gestione quotidiana. Normalmente si concludono contratti senza accorgersi della sua presenza. Donazioni, bonifici, sponsorizzazioni, acquisti di terreni, senza mai domandarsi quale sia l’impatto fiscale di quel negozio, di quella scelta. Senza soppesare se possa essere contestata dal Fisco, se sia conveniente documentare ciò che viene fatto, se ci sia un modo, una forma più efficace di un altra.

Poi, qualche anno dopo, quando ci si è dimenticati di quella vendita, di quella donazione, di quell’acquisto, arriva una richiesta di documenti, un atto di irrogazione sanzioni e così via.
E getta nel panico i poveri contribuenti, che si professano ignari che un atto giuridico possa avere conseguenze fiscali.
È indubbiamente una “doccia fredda”, subita da molti clienti.

 

La disattenzione dell’aspetto fiscale delle transazioni

Anche le transazioni non sfuggono a questo “agguato”.
È bizzarro: si conclude una transazione per “mettere una pietra tombale” ad una controversia, per non pensarci più e non si affronta l’elemento che può riaprire tutto e vanificare gli sforzi e le concessioni fatte dalle parti.

Perché succede questo?
Per il semplice fatto che le transazioni vengono redatte da professionisti che non sono avvocati tributaristi e gli avvocati tributaristi non vengono coinvolti nell’analisi.

La disattenzione dell’aspetto fiscale delle transazioni è l’ennesima dimostrazione di quanto sia necessario un approccio multidisciplinare nel mondo del diritto, nell’interesse del cliente.

In altri post ho analizzato il coinvolgimento dell’avvocato tributarista.

 

Effetti fiscali delle transazioni

In questo post racconto una recente esperienza professionale in cui gli avvocati che hanno concluso la transazione hanno trascurato, anche senza volerlo, l’effetto fiscale della transazione.

Sono stata contattata da una collega per una consulenza che riguardava la sua sfera privata.
La collega aveva recentemente concluso una transazione con il Comune e mi ha cercato per capire se dovesse dichiarare l’indennità che aveva incassato.
La transazione pone fine ad un contenzioso pluridecennale causato dall’occupazione usurpativa del terreno di sua proprietà da parte del Comune.

Di che si tratta?
Il Comune, intendendo realizzare un parco, aveva occupato il terreno, senza aver deliberato la dichiarazione di pubblica utilità.
Quindi, si era realizzata una situazione di fatto che per “decenni” aveva impedito alla proprietaria del terreno di poterlo utilizzare.
Il contenzioso volgeva al peggio per il Comune e, dopo aver iniziato le trattative, era stata conclusa una transazione con cui il Comune aveva riconosciuto una somma forfettaria a titolo di indennità per l’occupazione usurpativa.

Né l’avvocato del Comune, né l’avvocato della parte privata avevano pensato ai possibili effetti fiscali della transazione.
Che significa?
La somma che viene bonificata dal Comune va tassata sì o no?
Se sì: come? Il Comune deve operare la ritenuta alla fonte? La ritenuta è a titolo d’acconto o d’imposta?
E il contribuente deve indicarla della dichiarazione dei redditi?
Se la somma non deve essere tassata: perchè?

Per farla breve: domande da far girare la testa e che certamente complicano la vita del contribuente.

Quando il problema è cominciato a spuntare all’orizzonte?
Quando la mia cliente ha parlato con la sua commercialista, che le ha abbozzato un’ipotesi, consigliandole, tuttavia, di rivolgersi ad un avvocato tributarista.

Evidentemente il racconto termina qui: non voglio annoiarvi con questioni tecniche.

Concludo sottolineando un insegnamento: per il bene del cliente occorre affrontare le situazioni con una visione d’insieme, perchè, sempre più, esse sono complesse e multiformi.

La commercialista ha avuto l’intuizione corretta: per la valutazione delle conseguenze fiscali e per evitare sul nascere problemi e contestazioni, occorre coinvolgere nella transazione un avvocato tributarista.

 

 

Articoli correlati:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *