Avvocato tributarista JesiAvvocato tributarista RiminiSocietà estere e presunzione di esterovestizione

Esterovestizione, società schermo e stabile organizzazione occulta

Esterovestizione e società schermo

L’esterovestizione è un modo a cui si ricorre per sottrarre utili al Fisco italiano. È caratterizzata dal fatto che la società esiste ed opera in Italia, ma apparentemente ha sede all’estero. Tale apparenza ha il solo scopo di pagare le imposte all’estero, di solito in uno Stato con un tasso di imposizione inferiore rispetto all’Italia.
L’esterovestizione non va confusa con altri concetti che identificano attività fraudolente diverse.
Ad esempio, la società schermo. L’esterovestizione non può essere sovrapposta al concetto di società schermo, ma integra una stabile organizzazione occulta.
Proviamo a “trovare le differenze”.

 

L’esterovestizione societaria: cosa si intende?

Nel precedente post “Esterovestizione societaria ha effetti penali?”  ho definito l’esterovestizione societaria come la residenza estera fittizia di una società che opera nel territorio italiano.
Quando una società è fiscalmente residente in Italia?
La residenza fiscale è in Italia se nel nostro territorio è situata la sede legale, quella amministrativa o viene attuato l’oggetto sociale per la maggior parte del periodo d’imposta.

Come è, ormai, noto a chi legge i miei post sulla residenza fiscale delle persone fisiche e giuridiche la “maggior parte del periodo d’imposta” significa più di 183 giorni.
Quindi, una società è fiscalmente residente in Italia quando per oltre 183 giorni ha la sede amministrativa in Italia.

Nel post “Esterovestizione societaria: come ci si oppone?” avevo abbozzato una possibile strategia difensiva in caso di contestazione di esterovestizione.
A partire dalla sentenza n. 6814/14/2017 della Commissione Tributaria provinciale di Milano, avevo spiegato che la società italiana si era difesa dimostrando che la costituzione della società estera era giustificata da motivi gestionali/commerciali, ossia economici.
Inoltre, aveva depositato in giudizio i i certificati di residenza fiscale rilasciati dall’autorità fiscale estera e la sentenza penale di assoluzione.

In sostanza, la difesa si era incentrata sul fatto che la società estera non era stata creata per evadere le imposte italiane, ma per svolgere l’attività, anche perchè costretta da motivi gestionali.

 

Distinzione tra esterovestizione e società schermo

In questo post prendo spunto dalla sentenza 50151/2018 della Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione per distinguere l’esterovestizione dalla società schermo.

Il caso.
Erano ricorsi in cassazione i due imputati a cui erano stati sequestrati diverse centinaia di migliaia di Euro per effetto della ritenuta esterovestizione e della società schermo.
Mi spiego meglio!
I due professionisti avevano costituito una società in Slovenia (una specie di Srl), che aveva intestati dei conti correnti, aveva dei costi di gestione risibili (in sostanza dei costi fissi) ed un solo dipendente.
Ovviamente questa società non ha presentato la dichiarazione dei redditi in Italia e non ha versato le imposte.
Quindi, è stata indagata e la procura ha chiesto il sequestro sui beni degli “amministratori di fatto”.

 

“Amministratori di fatto”: chi sono costoro?

In teoria l’ “amministratore di fatto” è chi, appunto, di fatto gestisce una società.
All’ “amministratore di fatto” corrisponde  formalmente il famoso amministratore “Testadilegno“.
Testadilegno è un soggetto che non ha beni intestati; non ha, perciò, nulla da perdere, ed è anche molto avanti negli anni.
Diciamo che Testadilegno è un cuscinetto che è posizionato dall’ “amministratore di fatto” come amministratore che deve comparire di fronte ai creditori ed al Fisco.

Nel caso deciso dalla sentenza n. 50151/2018, gli “amministratori di fatto” secondo la Procura sono i due professionisti italiani soci della società slovena.
Quindi, secondo la Procura la società slovena era una società schermo.

Società schermo è una società che viene costituita per schermare l’attività svolta ed il patrimonio appartenente ad un altro soggetto.

Quindi, comprenderete che la società schermo esiste solo sulla carta, ma non svolge alcuna attività.

Perciò, secondo la Procura, i beni da sequestrare dovevano essere quelli degli “amministratori di fatto” che avevano creato la società schermo per, appunto, occultare al Fisco le attività economiche da loro svolte e i loro patrimoni.

La Procura, però, ritiene che la società slovena sia anche esterovestita.
Perché?
Perché la difesa dei due “amministratori di fatto” ha consegnato numerosi documenti che dimostravano che la società era operativa, aveva clienti, portava a termine progetti ecc.

La Cassazione ritiene che sia una situazione ingarbugliata!
Perché?
Perché i due concetti di società schermo e di esterovestizione non sono automaticamente sovrapponibili.

Società schermo= società fittizia; non operativa.

Società esterovestita= società che opera in Italia, ma appare come residente all’estero.

E la stabile organizzazione occulta?
È un concetto collegato all’esterovestizione.
La società esterovestita ha la sede in Slovenia, perciò è fiscalmente residente in Slovenia.
Dalla documentazione risulta che l’attività svolta e l’amministrazione sono collegate all’Italia.

La Cassazione spiega che in questi casi si potrebbe ravvisare una stabile organizzazione occulta in Italia della società estera.
La stabile organizzazione occulta si configura in quanto la società estera ha una sede fissa di affari in Italia tramite la quale esercita la propria attività mediante un’organizzazione di persone e di mezzi, ma senza dichiarare i relativi proventi dalla stessa generati ed ad essa direttamente imputabili.
Per questo si chiama “occulta”.
E si occulta la stabile organizzazione per non pagare le imposte in Italia.

Questi concetti richiedono una adeguata preparazione ed uno studio continuo.
Come avete potuto capire si tratta di situazioni delicate con effetti devastanti sia sul piano personale che patrimoniale.
È consigliabile rivolgersi a professionisti adeguatamente preparati.

 

 

Articoli correlati:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *