Peer-to-peer lending e ivafe

Rebus IVAFE nel peer-to-peer lending

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Rimini, Effetti fiscali degli investimenti esteri delle persone fisiche

Sono diventati molto famose le piattaforme internazionali che gestiscono finanziamenti peer-to-peer, cioè da privati a imprese o privati (cd. piattaforme di crowdlending). Si appoggiano su conti correnti da cui vengono prelevati i fondi da dare a mutuo per progetti proposti da privati o imprese e finanziati in parte da società finanziarie o investitori istituzionali a cui si affiancano i privati. La situazione finanziaria del mutuatario viene analizzata e viene attribuito un rating di affidabilità da A+ ad E a cui si accompagna un tasso di interesse che remunera il prestito. Gli interessi corrisposti sono soggetti ad IVAFE?
Vediamolo insieme.

Residenza fiscale estera ricercatori

Residenza fiscale delle persone fisiche: requisiti e criteri

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Rimini, Effetti fiscali degli investimenti esteri delle persone fisiche

Non basta trasferirsi all’estero per escludere la residenza fiscale in Italia. Occorre analizzare ogni singolo caso per verificare se si è residenti in Italia o all’estero. Non esistono dei modelli da utilizzare “a scatola chiusa”.
Dimenticare questa complessità fa commettere frequenti errori.
Ecco un chiarimento contenuto nella risposta  n. 26 dell’Agenzia delle Entrate ad un’istanza di interpello.

Residenza fiscale - Risposta n.25 Agenzia delle Entrate

Basta trasferirsi all’estero per lavoro per non essere più fiscalmente residenti in Italia?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Jesi, Avvocato tributarista Rimini, Effetti fiscali degli investimenti esteri delle persone fisiche

Il mero trasferimento all’estero non è condizione sufficiente per non essere fiscalmente residente in Italia. Occorre prestare la massima attenzione alle condizioni fissate dalla normativa e chiarite dalla giurisprudenza perchè esista la residenza fiscale in Italia. Frequenti sono gli errori che si commettono in questi casi, anche in buona fede. La risposta dell’Agenzia delle Entrate n. 25 ad un’istanza di interpello può essere d’aiuto.

Sanzioni penali esterovestizione

Esterovestizione societaria ha effetti penali?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Effetti fiscali degli investimenti esteri delle persone fisiche, Società estere e presunzione di esterovestizione

L’esterovestizione societaria, ossia l’accertamento della residenza estera fittizia di una società, in realtà operante nel territorio italiano ha delle conseguenze molto pesanti in termini di IRES e sanzioni. I “guai” dell’esterovestizione non finiscono, però, nella fase amministrativa. Ci sono degli effetti penali altrettanto importanti: l’occultamento e distruzione delle scritture contabili, l’omessa presentazione della dichiarazione e l’omesso versamento delle imposte. La recentissima sentenza 41683/2018 della Cassazione penale ritiene che i medesimi fatti che sono stati considerati in sede di accertamento dell’IRES possano essere valutati anche in sede penale.

Residenza fiscale all'estero - Requisiti

Requisiti per la residenza fiscale all’estero – La sentenza 28/3/2018 della Commissione Tributaria Regionale del Friuli

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Jesi, Effetti fiscali degli investimenti esteri delle persone fisiche

Una recentissima sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Friuli sui presupposti della residenza fiscale in Italia delle persone fisiche permette di “fare il punto della situazione” ed offre molti spunti di riflessione per una difesa ottimale del contribuente. La sentenza si colloca all’interno della scia interpretativa che considera l’iscrizione all’AIRE elemento necessario, ma non sufficiente per escludere la residenza fiscale in Italia.

Dichiarazione integrativa quadro RW

Dichiarazione integrativa per la compilazione Quadro RW – Un caso reale

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Jesi, Dichiarazione investimenti esteri, Effetti fiscali degli investimenti esteri delle persone fisiche

Molti contribuenti nel mese di Gennaio hanno ricevuto delle lettere da parte dell’Agenzia delle Entrate che, dopo aver incrociato i  dati sugli investimenti esteri da parte di banche ed intermediari finanziari con la dichiarazione dei redditi, ha informato i contribuenti che la mancata compilazione del Quadro RW era un’anomalia a cui il contribuente doveva rimediare. Se questo invito è giusto nella maggior parte dei casi, ci sono situazioni limite in cui il contribuente effettivamente non doveva compilare il Quadro RW. Ecco un caso concreto.

Quadro RW per gli investimenti esteri infruttiferi

Investimenti esteri: gli obblighi di dichiarazione nel quadro RW

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Jesi, Effetti fiscali degli investimenti esteri delle persone fisiche

Una recentissima sentenza della CTR del Veneto chiarisce quando debbano essere indicati i redditi nel Quadro RW e può essere utilizzata come bussola per valutare la strategia migliore da seguire per i contribuenti che hanno ricevuto delle lettere di compliance da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Fiscalità investimenti esteri

Investimenti esteri: tassazione e adempimenti

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in Effetti fiscali degli investimenti esteri delle persone fisiche

Spesso per diversificare il patrimonio si utilizzano investimenti esteri. Non tutti conoscono gli effetti fiscali in termini di costi ed adempimenti. Esistono svariate opzioni di investimenti esteri che consentono di diversificare il portafoglio del risparmiatore e ridurre i rischi. Prima di scegliere, è necessario essere consapevoli delle ricadute fiscali, sia per quanto riguarda il carico fiscale, sia per quanto riguarda gli adempimenti. Analizziamo nel dettaglio l’argomento.

Compilazione quadro rw

Quadro RW – Novità nella compilazione del 2017

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Effetti fiscali degli investimenti esteri delle persone fisiche

La legge di stabilità per il 2017 ha apportato alcune modifiche alla compilazione del Quadro RW che, stando al testo della legge, dovrebbero essere di semplificazione per i contribuenti. In realtà, la semplificazione è solo marginale, riguardando ipotesi rare. Alcune novità arrivano dai chiarimenti sul valore dell’investimento estero da indicare nel Quadro RW e, come al solito, altri dubbi sono sollevati dallo schema di  Decreto Legislativo sul recepimento della IV direttiva antiriciclaggio.