Accertamento giroconto bancario

I giroconti bancari sono accertabili?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Accertamento bancario, Avvocato tributarista Ancona, Contenzioso tributario

Sembra scontato che se un contribuente ha più conti correnti ed effettua dei giroconti da uno all’altro, non siano fiscalmente rilevanti. Anche nel caso di un imprenditore individuale che giroconti somme dal conto privato, cointestato con la moglie, a quello dell’attività imprenditoriale. Con l’Agenzia delle Entrate non si deve mai dare nulla per scontato! Infatti, per decidere che il giroconto bancario è irrilevante si sono dovute pronunciare la Corte di cassazione, con la sentenza 9567/2017 e la Commissione tributaria regionale della Campania, con la sentenza 232/2020.
Vediamole insieme.

Accertamento oneri pluriennali agenzia delle entrate

L’Agenzia delle Entrate per quanto tempo può accertare gli oneri pluriennali?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Conservazione documenti contabili, Contenzioso tributario, Oneri pluriennali ammortamento

Tutti sanno che l’Agenzia delle Entrate può accertare i redditi dei contribuenti entro quattro (fino al periodo d’imposta 2015) o cinque anni (dal periodo d’imposta 2016).
Quindi dal periodo d’imposta successivo alla scadenza dei termini “liberi tutti”? Può non essere così se avete sostenuto spese che sono detraibili in più periodi d’imposta (ad esempio spese di ristrutturazione edilizia, detraibili in dieci quote) o per ammortamenti. In questi casi come si deve comportare il contribuente?

Processo tributario telematico lungaggini

Processo tributario telematico: semplificazione impossibile?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Contenzioso tributario, Processo tributario

L’articolo 29 del D.L. 23/2020 (cd. decreto liquidità) introduce una norma di sistema: anche nei processi iniziati in modo cartolare la notifica e il deposito degli atti difensivi e dei provvedimenti giurisdizionali avviene solo in modo telematico. All’atto pratico ciò dà un enorme impulso alla semplificazione, alla riduzione dei tempi connessi agli adempimenti della notifica e del deposito.
Come ogni cambiamento, personale o sociale, presenta un’altra faccia della medaglia.
Ecco una storia professionale vissuta in prima persona.

Effetti fiscali delle transazioni

L’avvocato tributarista e le transazioni

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Rimini, Contenzioso tributario

L’aspetto fiscale è sempre dietro l’angolo. È il più famoso convitato di pietra della gestione quotidiana. Normalmente si concludono contratti senza accorgersi della sua presenza. Donazioni, bonifici, sponsorizzazioni, acquisti di terreni senza mai domandarsi quale sia l’impatto fiscale di quel negozio, di quella scelta. Senza soppesare se possa essere contestata dal Fisco, se sia conveniente documentare ciò che viene fatto, se ci sia un modo, una forma più efficace di un altra. Poi, qualche anno dopo, quando ci si è dimenticati di quella vendita, di quella donazione, di quell’acquisto, arriva una richiesta di documenti, un atto di irrogazione sanzioni e così via.
La disattenzione dell’aspetto fiscale delle transazioni è l’ennesima dimostrazione di quanto sia necessario un approccio multidisciplinare nel mondo del diritto, nell’interesse del cliente.

Processo tributario telematico inammissibilita

Processo tributario telematico: casi di inammissibilità del ricorso.

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Rimini, Contenzioso tributario, Processo tributario

Dall’1.07.2019 il processo tributario telematico si svolge, salvo casi marginali, con modalità telematiche. Questo richiede per gli operatori la conversione da una sequenza cartacea ad una telematica, con il necessario cambio di mentalità.
Dall’1.07.2019 non c’è più un “piano B” per chi è refrattario al processo tributario telematico. Occorre prestare particolare attenzione ai formati degli atti, alle modalità di notifica e di costituzione in giudizio per non incorrere nell’inammissibilità del ricorso tributario.
Analizziamo insieme quali possono essere i casi di inammissibilità.

Prassi ministeriale - Agenzia delle Entrate

Se l’ Agenzia delle Entrate cambia orientamento è obbligata a risarcire il danno?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Jesi, Contenzioso tributario, Processo tributario

Sappiamo tutti che la prassi ministeriale, cioè le circolari e le risoluzioni ministeriali, non è fonte del diritto. Sappiamo tutti anche che spesso, se non sempre, le norme sono di difficile comprensione e lasciano dei vuoti interpretativi. Perciò, il contribuente fa affidamento sui chiarimenti che vengono forniti dall’Agenzia delle Entrate e si comporta di conseguenza. Purtroppo, in molte situazioni l’orientamento seguito in buona fede dal contribuente viene cambiato, anche radicalmente, dall’Agenzia delle Entrate. Il contribuente che riceve un avviso di accertamento o che viene sanzionato per il comportamento tenuto in base ad un orientamento ministeriale superato ha qualche tutela? Vediamolo insieme.

Termini per impugnare una cartella di pagamento

Il postino mi ha consegnato una cartella di pagamento. Che faccio?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Jesi, Contenzioso tributario

La notifica di una cartella di pagamento è come lo sparo in una gara di sprint: chi sta fermo perde. Infatti, la cartella di pagamento è un atto che, se non impugnato nel termine di 60 giorni, diventa definitivo. Quindi, anche se è illegittima, se i termini di impugnazione vengono lasciati scadere, va pagata. E se si “collezionano” cartelle scadute, si può fare qualcosa? Cosa si rischia? Il semplice passare del tempo può essere un rimedio? Scopriamolo insieme.

Sentenza 903-2-2019 CTR Piemonte

Investimenti ambientali: la CTR Piemonte è a favore del contribuente

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Aspetti fiscali degli investimenti ambientali, Avvocato tributarista Ancona, Contenzioso tributario

L’emendabilità della dichiarazione fiscale è un affare semplice, reso complicato dall’Agenzia delle Entrate. Nonostante la chiarezza delle norme, che sono state anche integrate nel 2016 per renderle più comprensibili, la modifica della dichiarazione a vantaggio del contribuente continua ad essere un problema annoso.
Anche la Corte di cassazione ritiene, in modo costante e condiviso, che la dichiarazione sia modificabile, in quanto dichiarazione di scienza e, addirittura, la modifica può avvenire in sede giudiziaria. Per questo è molto soddisfacente la  sentenza n. 903/2/2019 della Commissione Tributaria Regionale del Piemonte.

Aspetti del contenzioso tributario

Contenzioso tributario: il lato umano

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Rimini, Contenzioso tributario

Qual è l’aspetto più coinvolgente del contenzioso tributario in base alla mia esperienza? Quello che mi rende facile o complicato lo studio di una  causa, l’apertura di una PEC, lo scrivere una mail? Cosa mi entusiasma nel vincere una causa o cosa mi rattrista nel perderla? L’immedesimazione con il mio assistito: il contribuente che mi ha conferito l’incarico di difenderlo o di studiare la situazione in cui si trova per trovare una soluzione. Questa mia immedesimazione è sotto traccia, così, almeno,  credo io. Invece, quello che chiamo il lato umano del contenzioso tributario è immediatamente percepito, fin dal primo incontro. Nonostante questo, il cliente raramente lo riconosce in modo esplicito. Per questo quando succede è una piacevole sorpresa.