Adempimenti ecommerce 2021 - Registrazione Agenzia entrate

Iva ecommerce – Adempimenti e registrazione sito Agenzia delle Entrate

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Adempimenti fiscali e-commerce, Avvocato ecommerce, Come aprire un e-commerce

In attesa dell’approvazione del decreto legislativo che recepisce la Direttiva UE 2017/2455 sul regime IVA del commercio elettronico, è aperto il sito per la registrazione. L’Agenzia delle Entrate, dall’1.04.2021, ha introdotto questa funzionalità all’interno del proprio sito. Le nuove norme sull’IVA nel commercio elettronico si applicano dall’1.07. Gli operatori possono, però, già registrarsi.

Esterovestizione delle societa - Criteri cassazione

Esterovestizione delle società – Come so se la mia società è esterovestita?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista residenza fiscale, Requisiti residenza fiscale, Società estere e presunzione di esterovestizione

Non basta trasferire la residenza della società in un Paese estero per essere lì fiscalmente residenti. Il trasferimento della residenza di una società in uno Stato estero è esterovestizione se le decisioni sulla direzione e sulla gestione della società sono prese in Italia. L’ordinanza 6476/2021 ribadisce il concetto.

Ravvedimento operoso - Dichiarazione dei redditi sbagliata

Ho presentato la dichiarazione dei redditi con un modello sbagliato: c’è un rimedio?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Jesi, Consulente tributario, Consulenza tributaria e fiscale

Quali sono gli effetti dell’utilizzo di un modello dichiarativo errato? La dichiarazione si intende presentata? Oppure è nulla? C’è un rimedio? Se vi trovate in questa situazione potete tirare un respiro di sollievo: la situazione si può recuperare, senza pagare sanzioni elevate attraverso il ravvedimento operoso.

Sponsorizzazioni sportive e attività d'impresa

Sponsorizzazioni sportive e attività dell’impresa: qual è il filo rosso?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Inerenza delle spese di sponsorizzazione, Spese di pubblicità, Sponsorizzazioni sportive

Le pronunce della Cassazione sulle sponsorizzazioni sportive seguono un “filo rosso”: le sponsorizzazioni sono deducibili se inerenti all’attività dell’impresa. Perciò, la contestazione non si deve appuntare sull’economicità o congruità della spesa, ma sulla estraneità all’oggetto sociale.

Quadro RW sanzioni paesi offshore

Quadro RW e liquidità non dichiarata in Paesi “black list”: termini di decadenza

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Consulente tributario, Dichiarazione investimenti esteri

Per contrastare la fuga dei capitali in Paesi black list è stata introdotta una presunzione legale relativa. Alle sanzioni nella misura dal 6 al 30% degli importi non dichiarati si somma la presunzione relativa, a cui, cioè, il contribuente può dare prova contraria, che la liquidità esportata nei Paesi black list e non dichiarata nel Quadro RW, su cui non sono stati indicati neppure i successivi investimenti, sia proveniente da redditi non dichiarati.

Tassazione investimenti esteri - IVIE

Tassazione investimenti esteri – L’IVIE dopo la Brexit

Pubblicato il 5 commentiPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Consulente tributario, Investimenti immobiliari all'estero

Siete proprietari di un appartamento a Londra? Avete effettuato investimenti immobiliari a Manchester o a Brighton? Programmate di farlo? Tra le novità più importanti non c’è solo l’obbligo di avere con sé il passaporto per poter entrare in territorio inglese e visitare i vostri immobili. Ecco cosa cambia per l’IVIE, cioè l’imposta patrimoniale sugli investimenti immobiliari all’estero.

Ecommerce per "Strade del vino" - 2021

Commercio elettronico nel settore vitivinicolo: il credito d’imposta le strade del vino

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Adempimenti fiscali e-commerce, Come aprire un e-commerce, Consulente tributario

Mirella e Marcello sono soci di una società agricola a responsabilità limitata che produce sangiovese. Hanno una cantina visitabile dai clienti che sono soprattutto ristoratori. Nel 2020 i ricavi hanno subito un forte decremento per effetto delle restrizioni all’attività di ristorazione. I loro amici Gigliola e Pierino li hanno consigliati di puntare sul commercio elettronico. Per Mirella e Marcello si tratta di un’avventura completamente nuova e sconosciuta. Temono soprattutto di non riuscire a far fronte ai costi dell’investimento. Gigliola e Pierino li rassicurano: potete usufruire del credito d’imposta per la realizzazione di piattaforme e-commerce. Le legge di bilancio 2021 estende quest’agevolazione anche ai produttori di vino.

Ricorso tributario - Spese legali

Ricorso tributario: chi perde paga sempre le spese legali?

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in Consulente tributario, Consulenza tributaria e fiscale, Contenzioso tributario

Chi perde una causa paga le spese. Anche nel contenzioso tributario. Non sono eccezioni le sentenze che non condannano l’ente impositore alle spese. Le considero errori. Quali sono le spese a cui la commissione tributaria condanna chi perde? Sono le cd. “spese vive”, gli onorari del difensore, le spese generali, il contributo previdenziale e l’IVA. Da notare che l’IVA è un costo solo per i privati.

TARI sui rifiuti speciali nel 2021

TARI sui rifiuti speciali – Come si calcola nel 2021

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Calcolo della Tari per i rifiuti speciali, Consulenza tributaria e fiscale, Tari

La modifica degli articoli 183 e 184 del Testo Unico in materia ambientale (D. Lgs. 152/06) ha effetti sulla TARI per i rifiuti speciali prodotti dalle attività industriali. Il testo dell’articolo 183, comma 1, lett. b-ter) e l’allegato L- quinquies del D. Lgs. 152/06 creava dubbi interpretativi ed incertezze applicative. Il chiarimento dato dall’Agenzia delle Entrate a Telefisco è stato molto interessante.

Residenza fiscale impatriati

Residenza fiscale in Italia per i lavoratori impatriati – Agevolazioni per il trasferimento e effetti sulla dichiarazione dei redditi.

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Requisiti residenza fiscale, Residenza fiscale Agenzia delle entrate, Residenza fiscale delle persone fisiche

La Circolare ministeriale 33/2020 dell’Agenzia delle Entrate si occupa del regime speciale per i lavoratori impatriati. L’agevolazione si applica a varie tipologie di contribuenti che decidano di trasferire la loro residenza fiscale in Italia. Il paragrafo 6 “Modalità di fruizione dell’agevolazione” è dedicato alla procedura che il lavoratore che ha trasferito la residenza fiscale in Italia deve seguire per beneficiare dell’agevolazione fiscale.

Aprire un ecommerce - Come fare

Come aprire un e-commerce – La vendita diretta tramite sito web

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Adempimenti fiscali e-commerce, Come aprire un e-commerce, Territorialità IVA delle prestazioni di e-commerce

Aprire e gestire un e-commerce presuppone molta preparazione in materia fiscale. Il commercio elettronico è un insieme che comprende vari sottoinsiemi organizzativi. Infatti, vi sono differenti modalità di vendere online. Esse cambiano e sono su misura delle imprese cedenti. Questa duttilità delle forme organizzative del commercio elettronico è un suo punto di forza.

Cartella di pagamento acquiescenza

Cartella di pagamento – Impugnazione e acquiescenza

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Cartella di pagamento Agenzia delle Entrate, Consulente tributario, Studio legale tributario

Il pagamento della cartella, dopo che è stata impugnata può essere interpretata come acquiescenza? Se il pagamento fosse indizio di acquiescenza danneggerebbe il contribuente. Infatti, avrebbe iniziato un processo inutile. Contestare la cartella e, poi, riconoscere che il credito esiste e va pagato è contraddittorio.
L’ordinanza 20962/2020 della Cassazione chiarisce quando il pagamento di una cartella impugnata non produce acquiescenza.

Residenza fiscale - Trasferimento

Trasferimento della residenza fiscale all’estero – Come comportarsi

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista residenza fiscale, Requisiti residenza fiscale, Residenza fiscale Agenzia delle entrate

Vi siete stancati di esercitare la vostra attività imprenditoriale in Italia? Vi sentite oppressi dalla burocrazia fiscale che vi impedisce di focalizzarvi sul vostro core business? Non avete tutti i torti! Se pensate che il rimedio sia di trasferire la sede e lo svolgimento della vostra attività all’estero, dovete valutare attentamente quali sono gli effetti del trasferimento della residenza fiscale all’estero.
In questo modo potrete evitare spiacevoli sorprese.

Sanzioni quadro rw paesi black list

Quadro RW e investimenti in Paesi “black list” – Sanzioni

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Consulente tributario, Consulenza tributaria e fiscale, Dichiarazione investimenti esteri

Le persone fisiche e gli enti non commerciali che effettuano investimenti all’estero devono compilare, all’interno del Modello Redditi, il Quadro RW. Se non sono obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi, devono, comunque, presentare il Quadro RW. Agli investimenti esteri appartengono quelli effettuati in Paesi “black list”. Gli investimenti in questi paesi, definiti “paradisi fiscali”, se non dichiarati nel Quadro RW, rischiano di trasformarsi in “inferni fiscali”.
Sapete cosa rischiate? Leggete un po’ qua…

Amministratore di fatto nella stabile organizzazione

Amministratore di fatto e stabile organizzazione

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Requisiti residenza fiscale, Stabile organizzazione, Stabile organizzazione all'estero

La sentenza 21693/2020 della Cassazione offre spunti di riflessione sulla “stabile organizzazione”. In particolare, sull’agente che opera nel territorio italiano. L’articolo 162, comma 6 del DPR 917/86 considera “stabile organizzazione” il soggetto situato in Italia che conclude contratti per conto dell’impresa non residente in Italia.
La condizione è che l’agente non sia indipendente. Ossia operi prevalentemente od esclusivamente per conto di una o più imprese estere a cui è correlato. L’amministratore di fatto si può trovare in questa situazione. Analizziamo insieme la sentenza.

Credito d'imposta per le spese pubblicitarie

Credito d’imposta sulle sponsorizzazioni: a che punto siamo?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Inerenza delle spese di sponsorizzazione, Spese di pubblicità, Sponsorizzazioni sportive

La norma sul credito d’imposta per le sponsorizzazioni sportive demanda ad un DPCM: la definizione dei casi di esclusione, le procedure di concessione e di utilizzo del beneficio, della documentazione richiesta, l’effettuazione dei controlli e le modalità per assicurare il rispetto del limite di spesa complessivo di 90 milioni di Euro. Qual è lo stato dell’arte?

Esterovestizione societaria degli amministratori italiani

Esterovestizione societaria e immobili italiani – Un caso limite

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista residenza fiscale, Requisiti residenza fiscale, Società estere e presunzione di esterovestizione

Il conferimento di immobili situati in Italia in una società con sede all’estero è indice di esterovestizione. Soprattutto se i soci della società estera sono italiani e si riservano il diritto di abitazione in uno di essi. Secondo la CTR dell’Emilia Romagna la sede all’estero non pone al riparo dalla contestazione di esterovestizione societaria. Questa sentenza, pur riguardando l’imposta di registro, offre lo spunto per un approfondimento sull’esterovestizione societaria.

Come aprire un ecommerce nel 2021

Avviare un e-commerce – Alla scoperta del nuovo continente

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Adempimenti fiscali e-commerce, Come aprire un e-commerce, Territorialità IVA delle prestazioni di e-commerce

L’ultimo decennio è stato caratterizzato dall’imporsi del commercio elettronico nella prassi commerciale e nel costume sociale. Parafrasando una celebre frase del filosofo Pietro Barcellona: non si tratta di un’epoca di cambiamento, ma di un cambiamento d’epoca.
Osserviamo il fenomeno poliedrico del commercio elettronico. Si può descrivere solo come un nuovo canale di vendita? Se si esaurisse così la descrizione, etichetteremmo il commercio elettronico come un’ “epoca di cambiamento”.
È tutto qui?
E quali sono gli effetti giuridici e, in particolare, fiscali del commercio elettronico?

Residenza fiscale pensionati esteri

Residenza fiscale dei pensionati esteri – Novità dalla legge di stabilità

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Requisiti residenza fiscale, Residenza fiscale Agenzia delle entrate, Residenza fiscale delle persone fisiche

Cosa succede se un cittadino italiano, durante la propria carriera lavorativa, svolge la propria attività di lavoro dipendente all’estero? Cosa succede al momento dell’agognata pensione? Dove è tassata? E se il cittadino, fiscalmente residente all’estero, mantiene un’abitazione in Italia a cui poter ritornare nei propri soggiorni nel Paese natio, che tasse deve pagare?
La legge di stabilità 2021 è intervenuta riducendo l’IMU e la TARI sulle abitazioni di proprietà di nostri connazionali fiscalmente residenti all’estero.

Residenza fiscale persone fisiche covid19

Residenza fiscale e criteri Ocse – La posizione dell’Italia in seguito al Covid19

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista residenza fiscale, Requisiti residenza fiscale, Residenza fiscale delle persone fisiche

Il documento OCSE del 3 Aprile 2020 aveva esaminato l’effetto del lockdown sulla residenza fiscale delle persone fisiche.
L’OCSE invitava i singoli Stati a prendere posizione su questo problema. Eventualmente anche a concludere accordi con altri Stati per fare chiarezza sugli effetti fiscali della permanenza di un lavoratore in un altro Stato.
Solo il 4.12.2020, in risposta ad un’interrogazione parlamentare, il Ministero dell’Economia e delle Finanze offre un ragguaglio su quanto è stato fatto dallo Stato italiano in merito.

Imballaggi terziari urbani

Rifiuti di imballaggio: alcune criticità

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Calcolo della Tari per i rifiuti speciali, Consulente tributario, Tari

Il Decreto Legislativo 116/2020 attuativo delle direttive comunitarie n. 2018/851 sui rifiuti e n. 1994/62/CE sugli imballaggi e rifiuti di imballaggio desta qualche perplessità in riferimento ai rifiuti di imballaggio. In particolare, gli imballaggi terziari non possono essere conferiti al sistema di raccolta dei rifiuti urbani. Tuttavia, i medesimi imballaggi vengono compresi tra i rifiuti urbani prodotti da utenze non domestiche. È certamente un aspetto che merita qualche chiarimento da parte dei Ministeri competenti.

Prescrizione cartelle pagamenti

Dal decreto Ristori quater novità sulla prescrizione delle cartelle di pagamento

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Consulente tributario, Contenzioso tributario, Studio legale tributario

Uno degli aspetti più dibattuti in tema di dilazione dei debiti verso il Fisco riguarda la loro prescrizione. Ossia: quando si prescrivono i termini del credito dell’Erario o degli enti locali? Ciò corrisponde alla prescrizione del termine entro cui il contribuente deve onorare il proprio debito.
L’articolo 7 del Decreto legge 157/2020 “Ristori Quater” introduce, a regime, la sospensione dei termini di prescrizione. Vediamolo insieme.

Investimenti esteri di immobili

Investimenti immobiliari all’estero: un caso concreto

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista residenza fiscale, Investimenti immobiliari all'estero, Studio legale tributario

In periodi di incertezza come questo, uno degli investimenti possibili è l’acquisto di immobili all’estero. Sia nella prospettiva di affittarlo sia in quello di utilizzarlo personalmente per le vacanze. La scorsa settimana alcuni clienti che hanno acquistato un immobile all’estero mi hanno chiesto come si devono comportare nei confronti del Fisco italiano e quali tasse siano applicate agli investimenti immobiliari all’estero.

Esterovestizione societaria criteri

Esterovestizione societaria e luogo di svolgimento dell’attività

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista residenza fiscale, Requisiti residenza fiscale, Società estere e presunzione di esterovestizione

La costituzione di società all’estero da parte di imprenditori italiani, se svolge attività in Italia, può essere considerata esterovestita? Ovvero, l’esterovestizione societaria può essere contestata se la società esercita l’attività prevista nell’oggetto sociale in Italia? In questo post analizzo un altro criterio per considerare fiscalmente residente in Italia una società con sede legale all’estero. Ossia: il luogo dove viene svolta l’attività essenziale per raggiungere l’oggetto sociale.

Cartella di pagamento rateizzazione

Rateizzazione della cartella di pagamento: effetti sulla prescrizione.

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Jesi, Consulente tributario, Studio legale tributario

Nella pratica professionale mi sono imbattuta in questo problema: se dall’estratto di ruolo risultano cartelle non pagate e vicine al termine di prescrizione del debito del contribuente, la presentazione dell’istanza di rateizzazione che effetti produce?
In altre parole: l’istanza di rateizzazione di una cartella non pagata e risultante dall’estratto di ruolo interrompe i termini di prescrizione? Un’interessante sentenza della Commissione tributaria regionale della Sicilia fornisce qualche spunto interpretativo. Vediamolo insieme.

Tari rifiuti urbani smaltimento

Smaltimento rifiuti – Novità 2021

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Calcolo della Tari per i rifiuti speciali, Consulente tributario, Tari

Smaltimento rifiuti speciali: il 3 di Settembre è stato approvato il Decreto Legislativo 116/2020 che attua due direttive comunitarie: la n. 2018/851 sui rifiuti e la n. 1994/62/CE sugli imballaggi e rifiuti di imballaggio. È una normativa densa di effetti e che va studiata a fondo per comprenderne le influenze sulle altre norme interne vigenti e gli effetti pratici. Tra i principali: quali sono le novità per la gestione dell’imballaggio da parte degli utilizzatori e gli effetti sulla TARI per le attività produttive? Il Decreto legislativo 116/2020 interviene pesantemente sul Testo Unico dell’ambiente (Decreto Legislativo 152/06). In questo post inizio ad analizzare gli articoli 183 e 184 del Testo Unico dell’ambiente sulla definizione dei rifiuti.

Peer-to-peer lending – Chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate sull’IVAFE

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Consulente tributario, Effetti fiscali degli investimenti esteri delle persone fisiche, Studio legale tributario

Rispondendo ad un’istanza di interpello presentata da un contribuente che intendeva effettuare finanziamenti ad imprese tramite una piattaforma francese di peer-to-peer lending, l’Agenzia delle Entrate chiarisce numerosi aspetti. Infatti, non si sofferma solo sul regime IVAFE dei finanziamenti, ma spiega anche il regime IRPEF degli interessi e come compilare il Quadro RW. Analizziamola insieme.

Avvocato tributarista - Contenzioso tributario

Quando l’avvocato tributarista è utile?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Consulente tributario, Contenzioso tributario, Studio legale tributario

L’avvocato tributarista svolge una funzione socialmente utile? Quali sono le condizioni per essere utili ai clienti? Chi stiamo patrocinando? Quali interessi stiamo tutelando? La risposta a queste domande non è stereotipata, né scontata. Si risponde a queste domande non in astratto, ma ogni giorno. Essere utili non solo è la ragione per cui sono avvocato tributarista, ma anche una fonte di profonda soddisfazione. Vi racconto un episodio professionale.

Esterovestizione società estere

Società estere ed esterovestizione: a cosa si deve fare attenzione?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista residenza fiscale, Requisiti residenza fiscale, Società estere e presunzione di esterovestizione

La costituzione di società all’estero da parte di contribuenti italiani da avventura entusiasmante può trasformarsi in un incubo fiscale. Gli imprenditori sono focalizzati sull’investimento, sulle opportunità che offre il mercato dello Stato estero in cui viene creata la società, sulle possibili sinergie. Ed è questo che devono fare. L’imprenditore ha il “senso degli affari” e non può essere delegato ad altri. Anche nel costituire una società all’estero rischia meno l’imprenditore che si limita a fare il suo lavoro. Non può sottovalutare altri aspetti “organizzativi” della sua attività, né può considerarsi un tuttologo. Un bravo imprenditore è chi sa fare le domande giuste alle persone giuste.
In questo post comincio a raccontarvi le domande che mi hanno posto i miei clienti.

Inerenza dei costi per le aziende

Quando i costi sono inerenti? Casi concreti

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Consulente tributario, Detrazione IVA e deducibilità dei costi, Studio legale tributario

Uno dei quesiti più ricorrenti nella consulenza fiscale è: “Avvocato, posso scaricare questo costo?” Tradotto dal linguaggio baristico l’imprenditore mi sta chiedendo se il costo che intende sostenere potrà essere deducibile dal reddito d’impresa. Con la conseguenza che il costo non è soggetto ad IRES. Infatti, oltre ad essere contabilizzato ed indicato in bilancio, rimane un costo interamente deducibile dai ricavi.
La risposta a questa domanda è molto delicata e non può essere data senza che l’avvocato tributarista ponga a sua volta delle domande o faccia degli approfondimenti.
Infatti, l’inerenza dei costi è una delle contestazioni più frequenti nelle verifiche fiscali.

Cassazione Tremonti ambientale

La Cassazione si pronuncia sulla Tremonti ambientale

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Aspetti fiscali degli investimenti ambientali, Consulente tributario, Contenzioso tributario

L’ordinanza 15982/2020 è di estremo interesse per gli avvocati tributaristi che stanno portando avanti i contenziosi sulla Tremonti ambientale. È confortante sapere che anche alla Tremonti ambientale la Cassazione dà la patente di dichiarazione di scienza e non di volontà, come sostenuto da tanti giudici di merito e da tanti uffici fiscali. Analizziamo insieme questa pronuncia.

Criptovalute e bitcoin quadro rw

La corsa degli Stati alle criptovalute

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Criptovalute - Tassazione, Criptovalute in dichiarazione dei redditi, Tassazione bitcoin persone fisiche

Il bitcoin ed altre criptovalute sono “il nuovo oro”. Durante il lockdown si è assistito ad un massiccio investimento in criptovalute. Molti Stati, per non perdere la concorrenza con i miners privati, stanno avviando le procedure per l’emissione di criptovalute “istituzionali”. Si ipotizza addirittura di arrivare all’emissione di moneta digitale. Questo comporta indubbiamente dei vantaggi per gli investitori che saranno maggiormente tutelati dai rischi di volatilità tipici delle criptovalute. Che effetti ha la presenza di “criptovalute di Stato” sul regime fiscale delle criptovalute?

Consulenza tributaria ricorsi

Consulenza tributaria: come funziona e che vantaggi offre

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Consulente tributario, Studio legale tributario

Quando ci si deve rivolgere ad un avvocato tributarista? Serve chiedere una consulenza preventiva? Qual e l’approccio più efficace per il cliente?
La mia esperienza professionale mi ha fatto incontrare diverse persone che richiedono una consulenza. Ritengo che la consulenza fiscale sia estremamente utile in sé. Tuttavia, l’atteggiamento del cliente può incrementare il valore della consulenza o ridurlo fino ad annullarlo. A mio avviso è un fatto culturale: in Italia si privilegia il contenzioso. Si interviene quando ormai “i buoi sono scappati”. Credo, invece, che “prevenire sia meglio che curare”. L’avvocato tributarista non può, evidentemente, prevedere la verifica fiscale, né il suo contenuto. Una buona consulenza, però, può correggere impostazioni errate o evitare sul nascere errori che possono essere molto costosi per i contribuenti. Vi racconto un caso concreto.

Spese di pubblicita 2020

Il Decreto Agosto e le spese pubblicitarie

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Inerenza delle spese di sponsorizzazione, Spese di pubblicità, Sponsorizzazioni sportive

L’articolo 81 del D.L. n. 104/2020, cd. “Agosto” prevede un credito d’imposta per spese pubblicitarie nel settore sportivo. La notizia suscita non solo interesse, ma anche speranza. Infatti, è noto che la pratica sportiva nel nostro Paese non ha la dovuta attenzione da parte dello Stato.
La deducibilità delle sponsorizzazioni a favore di associazioni sportive dilettantistiche è sicuramente uno strumento di sostegno alla pratica dilettantistica dello sport.
Il credito d’imposta per le spese pubblicitarie nell’ambito sportivo lo sarà altrettanto? Vediamolo insieme.

Residenza fiscale società Covid19

Residenza fiscale delle società e Covid-19

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista residenza fiscale, Requisiti residenza fiscale, Società estere e presunzione di esterovestizione

Nella fase 1 e forse ancora oggi (fase 3?) alcune funzioni aziendali sono svolte da remoto. Questo vale, a maggior ragione, per le attività svolte dalla dirigenza e dal management. Non si tratta, evidentemente, di una decisione, piuttosto di un rimedio, che si auspica temporaneo. Le società italiane con amministratori esteri o le società estere con amministratori italiani che si trovano in una situazione del genere quali rischi corrono? Possono esserci dei rimedi?

Accertamento giroconto bancario

I giroconti bancari sono accertabili?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Accertamento bancario, Avvocato tributarista Ancona, Contenzioso tributario

Sembra scontato che se un contribuente ha più conti correnti ed effettua dei giroconti da uno all’altro, non siano fiscalmente rilevanti. Anche nel caso di un imprenditore individuale che giroconti somme dal conto privato, cointestato con la moglie, a quello dell’attività imprenditoriale. Con l’Agenzia delle Entrate non si deve mai dare nulla per scontato! Infatti, per decidere che il giroconto bancario è irrilevante si sono dovute pronunciare la Corte di cassazione, con la sentenza 9567/2017 e la Commissione tributaria regionale della Campania, con la sentenza 232/2020.
Vediamole insieme.

Monitoraggio fiscale quadro rw

Monitoraggio fiscale in caso di pensione estera

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Dichiarazione investimenti esteri, Requisiti residenza fiscale, Residenza fiscale delle persone fisiche

Siete un contribuente fiscalmente residente in Italia e percepite una pensione da un fondo estero? Vi siete mai chiesti se, oltre alla compilazione della dichiarazione dei redditi per tassare in Italia il reddito, vi fosse qualche altro adempimento da seguire?
Se vi trovate in questa situazione, sappiate che l’Agenzia delle Entrate, nella risposta 150 del 27.05.2020, ha affrontato proprio questa problematica fornendo delle utili direttive. Eccone una sintesi.

Fatture soggettivamente inesistenti

Quando una fattura è soggettivamente inesistente?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Rimini, Falsa fatturazione

Si fa presto a dire fatture inesistenti! Stiamo parlando di fatture oggettivamente o soggettivamente inesistenti? Non preoccupatevi se siete confusi: siete in ottima compagnia. Anche gli avvocati hanno difficoltà ad inquadrare in modo compiuto quando un contribuente ha emesso/utilizzato una fattura per operazioni oggettivamente inesistenti o quando si trova in una situazione di fatturazione inesistente. La Cassazione penale, nella sentenza 10916/2020, si rivela molto utile per comprendere.

Accertamento oneri pluriennali agenzia delle entrate

L’Agenzia delle Entrate per quanto tempo può accertare gli oneri pluriennali?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Conservazione documenti contabili, Contenzioso tributario, Oneri pluriennali ammortamento

Tutti sanno che l’Agenzia delle Entrate può accertare i redditi dei contribuenti entro quattro (fino al periodo d’imposta 2015) o cinque anni (dal periodo d’imposta 2016).
Quindi dal periodo d’imposta successivo alla scadenza dei termini “liberi tutti”? Può non essere così se avete sostenuto spese che sono detraibili in più periodi d’imposta (ad esempio spese di ristrutturazione edilizia, detraibili in dieci quote) o per ammortamenti. In questi casi come si deve comportare il contribuente?

Liti fiscali in Europa

Interessanti novità per definire le controversie fiscali internazionali

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Dichiarazione investimenti esteri, Effetti fiscali degli investimenti esteri delle persone fisiche, Residenza fiscale delle persone fisiche

Cosa succede se un contribuente, residente in uno Stato, produce reddito in un altro Stato? Il reddito prodotto è tassato sia nello Stato della fonte (dov’è prodotto) che in quello dove il percettore del reddito è residente. Questo procedimento genera una doppia imposizione internazionale. Le Convenzioni contro le doppie imposizioni vengono concluse appunto per risolvere questo problema. Cosa succede se le norme convenzionali non vengono applicate correttamente? Le Convenzioni contro la doppia imposizione prevedono l’accordo tra i due Stati come extrema ratio per risolvere le controversie fiscali internazionali o eliminare la doppia imposizione. Il Decreto legislativo n. 49 del 10.06.2020, attuando la direttiva UE 2017/1852, rafforza gli strumenti a disposizione del contribuente che si trovi coinvolto in queste situazioni in ambito UE.
Analizziamolo in sintesi.

Tempo di conservazione fatture di acquisto

Quanto tempo vanno conservate le fatture di acquisto dei beni ammortizzabili

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Rimini, Conservazione documenti contabili, Oneri pluriennali ammortamento

L’articolo 2220 del Codice civile fissa un termine decennale per la conservazione di scritture contabili, documenti, lettere ecc. Come si concilia questa norma con l’articolo 22 del DPR 600/73 che allunga il termine decennale in caso di accertamento? Come si deve può difendere il contribuente davanti alla richiesta dell’Agenzia delle Entrate se non ha più le fatture?

Dichiarazione integrativa iva - Variazioni

Note di variazione e dichiarazione integrativa IVA

Pubblicato il Pubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Jesi, Dichiarazione IVA

Come deve comportarsi il cedente se viene meno un’operazione IVA? Entro quanto tempo deve detrarre l’IVA indicata nella nota di variazione? E se la dichiarazione IVA è già stata presentata senza che vi sia riportata la nota di variazione c’è un rimedio?
Le risposte n. 107 e 90 del 2020 ritengono possibile presentare la dichiarazione integrativa IVA se l’imposta non  può essere detratta nei termini di legge.

Stabile organizzazione - Covid-19

Il Covid-19 ha effetti sulla “stabile organizzazione”?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Requisiti residenza fiscale, Stabile organizzazione, Stabile organizzazione all'estero

Nel precedente post sull’argomento mi sono chiesta se lo smart working svolto nello Stato di provenienza da parte dei dipendenti che hanno spostato la propria residenza all’estero potesse cambiarne la residenza fiscale. Le modifiche organizzative che si sono rese necessarie per mitigare gli effetti del Covid-19 e che continueranno anche nella fase “2” potrebbero avere delle conseguenze anche sulla “stabile organizzazione” delle imprese. L’OCSE si è posta il problema e scopriamo a quali conclusioni è giunta.

Dichiarazione dei redditi - Bitcoin

Modello RW: i bitcoin vanno dichiarati come valuta estera

Pubblicato il Pubblicato in Criptovalute - Tassazione, Criptovalute in dichiarazione dei redditi, Tassazione bitcoin persone fisiche

L’Agenzia delle Entrate nella Risoluzione ministeriale 72/E/2016 sul regime applicabile alle attività di intermediazione in criptovalute le ha qualificate come valute estere. Questa interpretazione, pur non condivisibile, produce effetti sugli obblighi del contribuente persona fisica fiscalmente residente in Italia. Infatti, le istruzioni al Modello REDDITI 2020 confermano l’obbligo di chi detiene valute virtuali di compilare il quadro RW. Analizziamolo insieme.

Processo tributario telematico lungaggini

Processo tributario telematico: semplificazione impossibile?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Contenzioso tributario, Processo tributario

L’articolo 29 del D.L. 23/2020 (cd. decreto liquidità) introduce una norma di sistema: anche nei processi iniziati in modo cartolare la notifica e il deposito degli atti difensivi e dei provvedimenti giurisdizionali avviene solo in modo telematico. All’atto pratico ciò dà un enorme impulso alla semplificazione, alla riduzione dei tempi connessi agli adempimenti della notifica e del deposito.
Come ogni cambiamento, personale o sociale, presenta un’altra faccia della medaglia.
Ecco una storia professionale vissuta in prima persona.

Residenza fiscale dopo il covid19

Residenza fiscale: cosa cambia con il lockdown del Covid19

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista residenza fiscale, Requisiti residenza fiscale, Residenza fiscale delle persone fisiche

I precedenti post sulla residenza fiscale dei lavoratori che hanno aperto un’impresa, iniziato a svolgere attività di lavoro autonomo o dipendente all’estero riguardavano la normalità.
Tizio, cittadino italiano, viene assunto da una società croata per svolgere attività di progettazione. Dove vengono tassati i redditi di lavoro dipendente di Tizio?
Nel 2020 anche in Croazia arriva il Covid-19: Tizio lavora da remoto e con sua famiglia decide di ritornare a Trieste per essere vicino alle famiglie di origine. La residenza fiscale cambia?

Notifiche processo tributario covid

Processo tributario: novità sulle notifiche e deposito degli atti

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Jesi, Processo tributario

Dal primo Luglio 2019 il processo tributario si svolge solo con modalità telematiche, salvo che il contribuente si difenda in proprio.
Questo significa che le notifiche dei ricorsi e degli appelli deve avvenire a mezzo PEC e che la costituzione in giudizio si attua con l’upload nel portale del Si.Gi.T. degli atti e documenti, che devono rispettare il formato pdf.p7m.
Se si è iniziato un grado di giudizio in modo cartaceo, occorre arrivare alla sentenza con il medesimo modo.
Dal’8 Aprile 2020 questa regola è stata modificata dall’articolo 29 del D.L. 23/2020 (cd. decreto liquidità).
Vediamo in che modo e con quali effetti.