Fatture soggettivamente inesistenti

Quando una fattura è soggettivamente inesistente?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Rimini, Falsa fatturazione

Si fa presto a dire fatture inesistenti! Stiamo parlando di fatture oggettivamente o soggettivamente inesistenti? Non preoccupatevi se siete confusi: siete in ottima compagnia. Anche gli avvocati hanno difficoltà ad inquadrare in modo compiuto quando un contribuente ha emesso/utilizzato una fattura per operazioni oggettivamente inesistenti o quando si trova in una situazione di fatturazione inesistente. La Cassazione penale, nella sentenza 10916/2020, si rivela molto utile per comprendere.

Accertamento oneri pluriennali agenzia delle entrate

L’Agenzia delle Entrate per quanto tempo può accertare gli oneri pluriennali?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Conservazione documenti contabili, Contenzioso tributario, Oneri pluriennali ammortamento

Tutti sanno che l’Agenzia delle Entrate può accertare i redditi dei contribuenti entro quattro (fino al periodo d’imposta 2015) o cinque anni (dal periodo d’imposta 2016).
Quindi dal periodo d’imposta successivo alla scadenza dei termini “liberi tutti”? Può non essere così se avete sostenuto spese che sono detraibili in più periodi d’imposta (ad esempio spese di ristrutturazione edilizia, detraibili in dieci quote) o per ammortamenti. In questi casi come si deve comportare il contribuente?

Liti fiscali in Europa

Interessanti novità per definire le controversie fiscali internazionali

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Dichiarazione investimenti esteri, Effetti fiscali degli investimenti esteri delle persone fisiche, Residenza fiscale delle persone fisiche

Cosa succede se un contribuente, residente in uno Stato, produce reddito in un altro Stato? Il reddito prodotto è tassato sia nello Stato della fonte (dov’è prodotto) che in quello dove il percettore del reddito è residente. Questo procedimento genera una doppia imposizione internazionale. Le Convenzioni contro le doppie imposizioni vengono concluse appunto per risolvere questo problema. Cosa succede se le norme convenzionali non vengono applicate correttamente? Le Convenzioni contro la doppia imposizione prevedono l’accordo tra i due Stati come extrema ratio per risolvere le controversie fiscali internazionali o eliminare la doppia imposizione. Il Decreto legislativo n. 49 del 10.06.2020, attuando la direttiva UE 2017/1852, rafforza gli strumenti a disposizione del contribuente che si trovi coinvolto in queste situazioni in ambito UE.
Analizziamolo in sintesi.

Tempo di conservazione fatture di acquisto

Quanto tempo vanno conservate le fatture di acquisto dei beni ammortizzabili

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Rimini, Conservazione documenti contabili, Oneri pluriennali ammortamento

L’articolo 2220 del Codice civile fissa un termine decennale per la conservazione di scritture contabili, documenti, lettere ecc. Come si concilia questa norma con l’articolo 22 del DPR 600/73 che allunga il termine decennale in caso di accertamento? Come si deve può difendere il contribuente davanti alla richiesta dell’Agenzia delle Entrate se non ha più le fatture?

Dichiarazione integrativa iva - Variazioni

Note di variazione e dichiarazione integrativa IVA

Pubblicato il Pubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Avvocato tributarista Jesi, Dichiarazione IVA

Come deve comportarsi il cedente se viene meno un’operazione IVA? Entro quanto tempo deve detrarre l’IVA indicata nella nota di variazione? E se la dichiarazione IVA è già stata presentata senza che vi sia riportata la nota di variazione c’è un rimedio?
Le risposte n. 107 e 90 del 2020 ritengono possibile presentare la dichiarazione integrativa IVA se l’imposta non  può essere detratta nei termini di legge.

Stabile organizzazione - Covid-19

Il Covid-19 ha effetti sulla “stabile organizzazione”?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Jesi, Requisiti residenza fiscale, Stabile organizzazione all'estero

Nel precedente post sull’argomento mi sono chiesta se lo smart working svolto nello Stato di provenienza da parte dei dipendenti che hanno spostato la propria residenza all’estero potesse cambiarne la residenza fiscale. Le modifiche organizzative che si sono rese necessarie per mitigare gli effetti del Covid-19 e che continueranno anche nella fase “2” potrebbero avere delle conseguenze anche sulla “stabile organizzazione” delle imprese. L’OCSE si è posta il problema e scopriamo a quali conclusioni è giunta.

Dichiarazione dei redditi - Bitcoin

Modello RW: i bitcoin vanno dichiarati come valuta estera

Pubblicato il Pubblicato in Criptovalute - Aspetti fiscali, Criptovalute in dichiarazione dei redditi, Tasse sul bitcoin

L’Agenzia delle Entrate nella Risoluzione ministeriale 72/E/2016 sul regime applicabile alle attività di intermediazione in criptovalute le ha qualificate come valute estere. Questa interpretazione, pur non condivisibile, produce effetti sugli obblighi del contribuente persona fisica fiscalmente residente in Italia. Infatti, le istruzioni al Modello REDDITI 2020 confermano l’obbligo di chi detiene valute virtuali di compilare il quadro RW. Analizziamolo insieme.

Processo tributario telematico lungaggini

Processo tributario telematico: semplificazione impossibile?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista Ancona, Contenzioso tributario, Processo tributario

L’articolo 29 del D.L. 23/2020 (cd. decreto liquidità) introduce una norma di sistema: anche nei processi iniziati in modo cartolare la notifica e il deposito degli atti difensivi e dei provvedimenti giurisdizionali avviene solo in modo telematico. All’atto pratico ciò dà un enorme impulso alla semplificazione, alla riduzione dei tempi connessi agli adempimenti della notifica e del deposito.
Come ogni cambiamento, personale o sociale, presenta un’altra faccia della medaglia.
Ecco una storia professionale vissuta in prima persona.

Residenza fiscale dopo il covid19

Residenza fiscale: cosa cambia con il lockdown del Covid19

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Avvocato tributarista residenza fiscale, Requisiti residenza fiscale, Residenza fiscale delle persone fisiche

I precedenti post sulla residenza fiscale dei lavoratori che hanno aperto un’impresa, iniziato a svolgere attività di lavoro autonomo o dipendente all’estero riguardavano la normalità.
Tizio, cittadino italiano, viene assunto da una società croata per svolgere attività di progettazione. Dove vengono tassati i redditi di lavoro dipendente di Tizio?
Nel 2020 anche in Croazia arriva il Covid-19: Tizio lavora da remoto e con sua famiglia decide di ritornare a Trieste per essere vicino alle famiglie di origine. La residenza fiscale cambia?