I SERVIZI DELLO STUDIO

Consulenza tributaria

La consulenza tributaria è l’analisi dettagliata della situazione (civilistica o societaria) esposta dal cliente, lo studio della normativa, della dottrina, della prassi e della giurisprudenza sulla situazione per consigliargli un cambiamento della situazione per una maggiore tutela dei suoi interessi oppure, se non è possibile, valutare una possibile difesa.

Assistenza giudiziale

L’assistenza giudiziale è l’esame dell’atto che è stato notificato al cliente (ad es. avviso di accertamento o cartella esattoriale) e di tutta la documentazione in suo possesso riferita all’atto notificato, lo studio della normativa applicabile, della prassi ministeriale, della dottrina e della giurisprudenza per stabilire la migliore strategia difensiva possibile. La difesa viene esposta negli atti difensivi della causa e nella partecipazione alle udienze della causa in tutti i gradi di giudizio.

Assistenza stragiudiziale

L’assistenza stragiudiziale è la valutazione dell’atto che è stato notificato al cliente (ad es.: avviso di accertamento o cartella esattoriale) per capire se vi sono delle possibilità di evitare il contenzioso davanti al giudice tributario e l’aiuto qualificato nel sostenere la tesi del contribuente, alla luce della normativa, della prassi e della giurisprudenza maggioritaria o costante.

Avvocato Tributarista Lucia Ripa

AVVOCATO LUCIA RIPA

Ho aperto il mio studio nel 2009, dopo un’esperienza ultradecennale in una società che opera anche all’estero.
Mi occupo infatti di diritto tributario dal 1993. La mia attività professionale riguarda quasi esclusivamente il settore del contenzioso
e della consulenza tributaria, il residuo ambito di attività è la consulenza sulla privacy e l’assistenza nelle ispezioni sui luoghi di lavoro.

Dott. Federico Oriani - Idroelettrica Cervino Srl

Abbiamo apprezzato la grande competenza, la professionalità, la precisione nell’affrontare i ricorsi e durante  i dibattiti in udienza, celerità nelle risposte al cliente e puntualità negli aggiornamenti delle pratiche affidate.

Anna Maria Antonelli - Vetro Marche Snc

Mi è stata segnalata l’Avv. Ripa da un altro professionista e abbiamo riscontrato una grande preparazione in diritto tributario, come ci era stato assicurato.

Ing. Umberto Morgante - Engineering Service Srl

Ho apprezzato la conoscenza approfondita e dettagliata del diritto tributario, la capacità e la volontà di lavorare in team con altri professionisti dell’area tecnica, che completano le competenze per svolgere un lavoro di ottimo livello sotto tutti i punti di vista.

Ultimi articoli pubblicati

Ricorso tributario notifica via pec

Ricorso tributario: novità sulla notifica via pec dopo le 21

La notifica del ricorso tributario è il momento più importante del processo. Infatti, se è tardiva, il ricorso viene dichiarato inammissibile. Cioè, l’attività del difensore è stata inutile ed il diritto del contribuente non avrà chance di essere tutelato. Il processo tributario telematico inizia con la notifica del ricorso via pec. La tecnologia consente di ampliare i termini a disposizione del ricorrente. Infatti, la tecnologia permette di effettuare una notifica a qualsiasi orario, non essendo vincolata ad orari di ufficio. La notifica del ricorso tributario via pec dopo le 21 quando si intende effettuata? Si applica la sentenza n. 75/2019 della Corte costituzionale?

Redditi lavoro autonomo inerenza dei costi

Inerenza dei costi per i redditi da lavoro autonomo

L’inerenza dei costi riguarda solo il reddito d’impresa o è applicabile anche a quello di lavoro autonomo? Se sì, ha le medesime caratteristiche del reddito d’impresa oppure sono differenti? Spesso l’Agenzia delle Entrate contesta l’inerenza dei costi agli studi professionali. Le motivazioni sono le più disparate. Si può rispondere a queste contestazioni oppure il professionista è destinato ad accettare l’avviso di accertamento? La sentenza 89/3/2019 offre degli spunti interessantissimi.

Tremonti ambientale pace fiscale

Contenzioso tributario: no alla pace fiscale per il cumulo della Tremonti ambientale

La definizione delle liti pendenti apre un ennesimo capitolo della saga sulla cumulabilità della Tremonti ambientale con le tariffe agevolate. L’Agenzia delle Entrate, nella risposta n. 102 ad un’istanza di interpello, nega che possano essere chiuse con la definizione delle liti pendenti le cause in cui sia contestata la cumulabilità della Tremonti ambientale con la Tariffa incentivante del IV Conto Energia. Questa risposta tocca un nervo scoperto e sensibilissimo per le imprese che hanno beneficiato delle Tariffe incentivanti per gli investimenti in impianti fotovoltaici del III, IV e V Conto Energia. È condivisibile questa risposta? Ecco una chiave di lettura.

Visita il blog